BORGOMONDO – SELLIA

 Sellia è un borgo medievale situato in Calabria, in provincia di Catanzaro, balzato anche agli onori della cronaca perché il sindaco ha emesso un’ordinanza particolare: Vietava di morire. Nel senso di sanzioni a coloro che non si curano a dovere: una scelta legata alla drammatica diminuzione demografica della cittadina. Ma Sellia è una località nota soprattutto per i resti della fortezza e per l’olio d’oliva. Il Castello faceva sicuramente parte del complesso sistema difensivo della Calabria, realizzato in epoca normanna, per esigenze difensive e feudali. Venne costruito sulla sommità del colle sovrastante il paese, a presidio del nucleo abitato, e doveva essere simile ad altre costruzioni fortificate dell’epoca, con grosse muraglie a carattere difensivo, con torri alte e merlate, che chiudevano una corte interna.

LE ATTRAZIONI

Considerando però che come attrattiva non bastava, nonostante la storia e la cultura millenaria propria dei piccoli centri del sud che si respira ad ogni vicolo, Sellia ha giocato un’altra carta per attirare l’attenzione. Ed è diventato nel tempo il borgo con più sp

azi museali d’Europa: se ne conta uno ogni 60 abitanti. Ma è anche il primo Borgo Avventura d’Europa. Il centro storico medievale, infatti, è sovrastata da una teleferica per volo sospeso lunga 500 metri, una torre di lancio con tecnologia Quick Jump alta 15 metri, un ponte panoramico sospeso lungo 130 metri ed anche diversi percorsi acrobatici con 24 piattaforme. Il Parco Avventure in Borgo è interamente realizzato nell’area sovrastante la parte antica e si caratterizza per avere alle spalle l’altopiano della Sila Piccola e di fronte il meraviglioso tratto di costa del Mar Ionio.

LO SMOSS

Sistema dei Musei e degli Opifici Storici di Sellia, che è composto da quattro strutture museali. Si tratta del Museo dei Bambini, del Museo del Fumetto, dell’Eco Museo all’aperto e del Museo della Scienza. A cui si aggiungono altrettanti opifici storici, ovvero le fabbriche antiche: due antichi frantoi del Seicento, uno del Settecento e due antichi forni ottocenteschi. Per continuare, dopo i momenti ad alto tasso di adrenalina, con le offerte culturali ed artistiche, non può mancare la visita alle due chiese e al ponte medievale.